Napoli è il luogo ideale dove trascorrere il ponte del 1 novembre, non troppo lontano se la si vuole raggiungere in auto né troppo impegnativo per chi invece, per ragioni di tempo o distanza eccessiva, scegliesse l’aereo come mezzo di trasporto. Visitare Napoli è sempre suggestivo perché c’è tanto da vedere e perché ti distrae ad ogni angolo, strada e cortile dai tuoi programmi. Il centro storico appartiene ancora ai suoi abitanti che lo vivono in ogni sua manifestazione, nonostante “l’interferenza” di centinaia di turisti che lo visitano quotidianamente.

Giunti a Napoli non si può non visitare la Cappella Sansevero che ospita il famosissimo Cristo Velato, un’opera talmente bella che una delle tante leggende narra che fu realizzata grazie ad un procedimento alchemico. Sia la cappella che la scultura furono commissionate dal Principe di Sansevero, noto alchimista e figura assai controversa. Al piano inferiore della cappella si trovano le macchine umane: due scheletri con il sistema circolatorio cristallizzato ed esposto. Nei secoli sono tante le storie macabre che si sono susseguite su queste due rappresentazioni dell’anatomia umana.

Napoli offre molti punti panoramici da dove ammirare la città e l’area del Vesuvio, uno di questi è la Certosa di S.Martino con il suo museo. Raggiungibile percorrendo la Pedemantina di San Martino o Spaccanapoli attraversando Corso Vittorio Emanuele. Per la realizzazione della Certosa di San Martino fu chiamato l’architetto e scultore senese Tino di Camaino, già famoso per il Duomo di Pisa, e capomaestro della corte angioina. All’interno del Museo della Certosa si trovano preziosi dipinti dell’ottocento napoletano una sezione dedicata alle arti decorative e tanto altro ancora, il museo è di per se un pezzo d’arte. Un altro punto panoramico sulla città è il Parco Virgiliano, a strapiombo sul mare sul promontorio di Posilipo si estende su un sistema di terrazze che si affacciano sul Golfo di Napoli e sulle isole. Dal Virgiliano un panorama mozzafiato spazia dal Vesuvio alla costa sorrentina, da Ischia e Procida a Bacoli e Pozzuoli.

Tornando in città non si può non passare da piazza del Plebiscito. La piazza dei napoletani per antonomasia. Ubicata nel cuore della città, attorno alla piazza si affacciano edifici importanti quali la Basilica di San Francesco di Paola, il Palazzo Reale, il Palazzo della Prefettura e il Palazzo Salerno. La passeggiata prosegue verso il Maschio Angioino ed il lungomare pedonale di Napoli.
Tra le mete da non perdere segnaliamo il Monastero di Santa Chiara, un’oasi pace e colore nel cuore della città è
ed  Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, uno dei primi musei archeologici d’Europa (inaugurato alla fine del ‘700). Raccoglie la collezione Farnese appartenuta ai Borbone composta da oggetti storici e reperti risalenti alle eruzioni disastrose del Vesuvio ed il gabinetto segreto che custodisce numerosi elementi dell’arte erotica di Pompei ed Ercolano.

Alla vostra vostra dotazione di viaggio non dimenticate di aggiungere Mereasy, installando sul vostro smartphone la versione Android o Apple della APP. Con Mereasy  il napolentano sarà più coinvolgente ed emozionante perché grazie ad una foto potrete leggere o ascoltare la storia dell’opera d’arte che avete di fronte sia esso un dipinto, un monumento oppure un edificio storico che nella capitale partenopea non mancano di certo.

Buon soggiorno a Napoli con Mereasy, the easisest way to enjoy art.

Alcuni link utili
Museo Sansevero
Monastero di Santa Chiara